Attenzione, il Programma Cultura 2007-2013 è chiuso

E' stato realizzato un nuovo sito web dedicato a Europa Creativa.
Il nuovo sito del CCP Italy è cultura.cedesk.beniculturali.it.

Logo del CCP Italy

Ricerca partner

È un servizio fornito dal CCP Italy per facilitare la ricerca partner nel settore culturale

Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere informato su news, eventi e scadenze del Programma Cultura?

Registra la tua email Simbolo di una freccia Vai

Icona della sezione Strand 3.2 Strand 3.2

Strand 3.2 - Analisi, diffusione dell'informazione, cooperazione culturale

Strand 3.2
Progetti di cooperazione tra organizzazioni coinvolte in analisi delle politiche culturali

La call è scaduta il 7 Novembre 2012, ore 12:00 (CEST)
Non sono previste call per il 2013.

Il Programma Cultura 2007-13, per quanto riguarda i progetti di cooperazione tra organizzazioni coinvolte in analisi delle politiche culturali, si è concluso.

Dal 2014 partirà il nuovo programma Creative Europe.
Stay tuned!

Card_Recto_Fridge - Cartolina della Campagna We Are More Obiettivo: promuovere lo scambio, il confronto e il consolidamento di analisi qualitative e quantitative per valutare l’impatto delle politiche culturali.

Lo strand 3.2 co-finanzia progetti di cooperazione tra organizzazioni pubbliche o private (ad esempio dipartimenti culturali di autorità nazionali, regionali o locali, osservatori culturali o fondazioni, dipartimenti di università specializzate nell’ambito culturale, organizzazioni professionali e reti) che posseggono un know how eccellente nell’analisi delle politiche culturali.

L’analisi deve essere effettuata contemplando almeno uno dei macro obiettivi dell’ Agenda Europea per la Cultura:

  • promozione della diversità culturale e del dialogo interculturale;
  • promozione della cultura come catalizzatore della creatività;
  • promozione della cultura quale elemento essenziale nelle relazioni internazionali dell’UE.
Il settore della cultura svolge un ruolo essenziale con numerose implicazioni sociali, economiche e politiche. Col trattato di Maastricht la cultura è diventata un capitolo rilevante nel processo di integrazione europea. Per queste ragioni la Commissione Europea ha pubblicato nel maggio 2007 la “Comunicazione su un’Agenda europea per la cultura in un mondo in via di Globalizzazione”, di fatto la prima strategia europea per la cultura. In questo documento la Commissione ha scelto di coniugare crescita, comprensione interculturale e relazioni esterne proponendo un’agenda basata su un ristretto numero di ambiziosi obiettivi....
Per saperne di più

Il sostegno può essere concesso per le seguenti attività:

  • segretariato e coordinamento di gruppi;
  • scambio, analisi, confronto e consolidamento dei dati quantitativi e qualitativi esistenti e metodi di valutazione;
  • formulazione di proposte e raccomandazioni relative a nuovi metodi di valutazione o dati quantitativi e qualitativi (non rientra in questo ambito l'avvio di nuovi studi specifici o la raccolta di dati).

Per essere ammissibili i progetti candidati in questo settore devono, in primis, rispettare i criteri di ammissibilità comuni a tutti i settori del Programma.


Criteri di ammissibilità specifici

Per essere ammissibili, i progetti devono:

  • avere una durata compresa tra 12 e 24 mesi;
  • coinvolgere un minimo di tre organizzazioni (il coordinatore e almeno due coorganizzatori e/o partner associati) di tre diversi paesi partecipanti al programma;
  • prevedere un mandato firmato, tra ogni coorganizzatore e il coordinatore, che contempli i necessari impegni;
  • Prevedere un accordo di cooperazione firmato da tutti gli operatori culturali coinvolti (coordinatore, coorganizzatore e partner associato). L’accordo deve precisare le modalità della cooperazione;
  • richiedere una sovvenzione non superiore a 120 000 EUR per ogni anno di attività;
  • contenere un bilancio in pareggio (per cui le spese sono uguali alle entrate) e non superare il massimale di cofinanziamento dell'Unione europea fissato al 60% del bilancio ammissibile totale.


Quale punteggio viene assegnato alla vostra proposta?

I criteri di assegnazione costituiscono i parametri per la valutazione della qualità artistica e culturale delle proposte, in conformità con gli obiettivi generali e specifici del Programma e le caratteristiche di ogni settore:

  1. valore aggiunto europeo che il progetto è in grado di generare;
  2. pertinenza delle attività proposte con gli obiettivi specifici del programma;
  3. elevato livello di eccellenza delle attività proposte (concezione e implementazione);
  4. qualità del partenariato tra coordinatore e coorganizzatori;
  5. idoneità delle attività proposte a produrre risultati in linea con gli obiettivi del programma;
  6. modalità con cui i risultati delle attività proposte saranno comunicati e promossi;
  7. impatto a lungo termine delle attività proposte (sostenibilità).


Il CCP ITALY CONSIGLIA…..

  • Le domande possono essere redatte in una delle lingue ufficiali dell’UE, ma è fortemente consigliato utilizzare l’inglese.
  • Gli allegati dichiarazione d’onore, budget, mandati, lettera di presentazione) devono essere tutti firmati, onde evitare l’esclusione della domanda!
  • Non inviare l’eForm durante le ultime ore prima della scadenza!
  • Leggere attentamente la Guida al programma e le Instructions for applicants (un documento dell’Agenzia Esecutiva che contiene tutte le informazioni fondamentali per la compilazione della domanda).
  • Leggere i criteri di attribuzione.
Licenza Creative Commons
CCP Italy website by www.ccpitaly.beniculturali.it is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia License.